mercoledì 6 agosto 2008

Vettoramento Fuori TMA - La nostra proposta

Operando sui cosiddetti aeroporti minori, i vettori low-cost ne hanno portato gli incrementi di traffico spesso a doppia cifra percentuale, ma gli strumenti a disposizione del CTA per la fornitura dei servizi ATC sono gli stessi da sempre.
I CTA di Milano ACC patiscono tale limitazione particolarmente ai settori TES e TWS, dove procedure non separate, classificazione dello spazio aereo e assenza di minime di vettoramento complicano notevolmente il loro lavoro, costringendoli in molti casi a un puro controllo procedurale.
Nell'attesa della pubblicazione di minime di vettoramento e della promessa estensione a sud della TMA, abbiamo presentato alla Direzione un piano fattibile ed immediatamente applicabile per consentire ai CTA di Milano di vettorare in dette aree:
  • Dato che non ci è consentito vettorare fuori spazio aereo controllato, riclassificare come “Echo” lo spazio aereo a sud della TMA; in tale modo tale spazio diventerebbe “controllato” per il traffico IFR, senza alcuna ripercussione per quello VFR.
  • Individuare l'ostacolo orografico più alto che possa interessare detta area e stabilire una quota di sicurezza al di sopra della quale gli aerei possono uscire dalle procedure al sicuro dagli ostacoli, così come già è stato fatto per FL200 rispetto al Monte Bianco.
Questi due semplici e immediati accorgimenti, dando per scontata ovviamente la copertura radar, consentirebbero ai CTA di Milano di effettuare separazioni radar in accordo alla normativa, pur consapevoli (insieme ai piloti) della possibile presenza di traffico VFR non in contatto in spazio “Echo”.
La Direzione si è dimostrata molto interessata a tale proposta e ci ha assicurato che attiverà tutti i canali necessari per verificarne al più presto la fattibilità.

SCARICA PDF

Report Riunione 05 Agosto 2008

In quanto non firmatari del CCNL, siamo stati ricevuti in seduta dedicata ieri dalla Locale Direzione per essere messi al corrente della gestione attuale e programmata di Milano ACC.
La riunione ha interessato diversi argomenti, sia riguardanti il contratto sia problematiche strettamente locali; elenchiamo in modo schematico per una più rapida comprensione:

  • Per i mesi di agosto e settembre, a tutti i 26 CTA che hanno presentato la rinuncia ad effettuare prestazioni straordinarie saranno riprogrammati turni a 136h/30gg privi di reperibilità; a partire dal mese di ottobre saranno programmati loro turni a 129/30gg + 7h di Continuous Training.
  • Ci è stato comunicato che la reperibilità, in quanto prestazione straordinaria, non può più essere presa di ferie, pertanto nel caso in cui il dipendente abbia il giorno di reperibilità nel proprio periodo di ferie potrà decidere liberamente se farsela riposizionare al di fuori di tale periodo o farsela eliminare del tutto per quel mese.
  • Ci è stato comunicato che usufruire della cosiddetta esaustività nei giorni in cui si hanno programmate una o più ore di prestazione aggiuntiva, comporterà la decurtazione di un'ora di straordinario e del relativo compenso; abbiamo espresso la nostra contrarietà in proposito, ma queste sono le direttive giunte da Roma.
  • Entro la prossima estate verranno conseguite 4 specializzazioni d'ente EXE2 e 24 specializzazioni d'ente EXE1 (in due tranches da 12); inoltre i 13 colleghi impiegati al FIC partiranno per il corso ACS-RAD e conseguiranno la specializzazione PLN.
  • Saranno assegnati a Milano ACC 16 nuovi CTA, 8 dei quali potrebbero partire per il corso ACS-RAD e specializzarsi entro l'estate prossima.
  • Ci è stato assicurato che subito dopo l'estate verranno nominati i nuovi responsabili dei reparti Addestramento e Sicurezza Volo, nonché il membro Staff.
  • E' allo studio la possibilità di ridurre da ottobre il layout notturno di 2 unità (i due PLN) e contestualmente introdurre uno o più settori H18 (due spezzoni da 9 ore, dalle 06:00 alle 24:00).
  • Abbiamo ricevuto dalla Locale Direzione un rapporto dettagliato sui fatti che hanno portato al prolungamento dell'apertura dei settori oltre le 23:00, con riduzione del minimo riposo notturno la sera del 13 luglio; chiarito che tale situazione è stata generata da una vera e propria contingency non prevedibile, abbiamo considerato esaustiva la spiegazione e dichiarato chiusa la vertenza aperta su tale argomento.
A termine di tale riunione informativa, abbiamo avanzato la richiesta che vengano effettuate esercitazioni continue e periodiche sul sistema fallback, in modo da familiarizzare sempre più il personale su tale sistema; ci è stato risposto che tali esercitazioni sono in fase di pianificazione, dato che il calendario deve essere coordinato tra i quattro ACC.
Abbiamo infine presentato una proposta per superare l'attuale impossibilità a vettorare fuori dalla TMA, in particolare nei pressi degli aeroporti di Genova, Pisa e Firenze; tale argomento sarà oggetto di un report tecnico dedicato.

SCARICA PDF

domenica 3 agosto 2008

Solidarietà ai colleghi di Brindisi ACC

Cari colleghi di Brindisi, abbiamo appreso dal testo della vostra vertenza i gravi fatti che quotidianamente vengono a verificarsi presso il vostro Centro di Controllo.
Nell'auspicare che la vertenza da voi aperta induca i vertici di Brindisi ACC a una seria riflessione sui propri compiti e sulle proprie responsabilità e li convinca a una gestione delle risorse umane più rispettosa dei dipendenti, nonché dell'utenza, vi esprimiamo tutta la solidarietà dei lavoratori di Milano ACC che non sono rimasti indifferenti alle problematiche da voi descritte.
I nostri migliori saluti.

SCARICA PDF

Guardare fuori dalla finestra

Riteniamo doveroso informare i lavoratori di Milano ACC di quanto stia avvenendo in queste settimane presso il Centro di Controllo di Brindisi.
Con la presente non intendiamo insinuare che questi gravi fatti avverranno anche qui a Milano, ma soltanto invitare tutti a riflettere sul fatto che una politica aziendale dai più ritenuta impossibile stia invece già oggi venendo applicata a dei nostri colleghi.
Riportiamo un estratto della lettera con cui la Sezione Locale ATM-PP di Brindisi ha aperto formale vertenza in data 28/07/2008.

  • applicazione di SMOPs per l’apertura anticipata dei settori alle 06.00, per gestire traffico programmato e non occasionale!;
  • personale obbligato a presentarsi al lavoro durante le giornate di riposo;
  • apertura sistematica del 6° settore effettuata da Supervisore ed FMP controller, ai quali di fatto è impedito l’assolvimento dei compiti per cui sono preposti;
  • apertura sistematica del 6° settore effettuata utilizzando personale di struttura per gestire carichi di traffico elevati e non adatti a tale personale in quanto occasionalmente impiegato;
  • applicazione sistematica dell’istituto dello straordinario in prolungamento d’orario durante ogni week-end per far fronte alla domanda di traffico programmato, non occasionale, e senza prevedere il necessario relief;
  • gestione di traffico oltre le capacità dichiarate da ENAV stessa, carichi di settore che rimangono il limite ultimo che la società si è data per garantire i margini per una efficiente azione di controllo di chi vola e chi lavora;
  • omesse spiegazioni al personale in servizio che, coinvolto in situazioni di eccessivo carico di lavoro, ha fatto esplicita richiesta scritta;
  • lettere sindacali e personali consegnate alla Direzione Locale non protocollate immediatamente ma solo dopo lettura e approvazione della stessa Direzione Locale;
  • mancata assegnazione di personale a completamento dell’organico necessario.

Sono forse anche queste motivazioni strumentali? Valutate voi.
Riguardo alla vignetta umoristica presente nella bacheca UIL, desideriamo precisare che lo sciopero del 26 Luglio nulla aveva a che vedere con il contratto; la satira è legittima, ma non quando basata sulle balle.
Le motivazioni dello sciopero erano scritte a caratteri cubitali e proprio la UIL le conosceva benissimo, dato che le aveva definite “valide” nel comunicato in cui appoggiava il nostro sciopero del 9 Maggio. Evidentemente i problemi di Milano sono stati nel frattempo risolti e soltanto ATM-PP non se ne è accorta.

SCARICA PDF