giovedì 30 ottobre 2008

Milano ACC dove sei...?

Con la presente comunicazione intendiamo portare all'attenzione del personale di Milano ACC, l'ennesima stortura ordita da ENAV, nel silenzio totale sia della Direzione locale, che delle altre compagini sindacali del nostro Centro.

Lo scorso settembre abbiamo aperto formale vertenza per contestare il pagamento del PdR 2007; non tanto in merito ai criteri di distribuzione dello stesso, argomento spettante alle Segreterie Nazionali, ma riguardo a ciò che si è verificato nella ripartizione di quel valore aggiunto (il famigerato “tesoretto”) determinato dall'incremento di traffico verificatosi la scorsa estate, ed anche alla fatidica domanda finora ignorata da tutti: chi paga le professionalizzazioni che ogni anno Milano ACC, attraverso il lavoro di tutti noi, produce?

Nei colloqui informali che abbiamo avuto, a più riprese e con diversi esponenti della Dirigenza aziendale, non ci è stato concesso di trovare il bandolo della matassa, e neanche durante la convocazione ufficiale da parte della Direzione locale, per espletare il primo tentativo di conciliazione della vertenza, si è riusciti a conoscere anche solo un piccolo dettaglio di come sia stato determinato il PdR 2007 e come sia stato diviso il “tesoretto” maturato l'anno scorso.
L'Azienda, il 2 ottobre scorso, ci ha quindi promesso una convocazione in Sede Centrale per avere ulteriori dettagli sulla questione in essere.
Dopo aver pazientemente atteso tre settimane ci è stato comunicato che non c'era ancora una data disponibile per tale incontro.

Vista la mancanza di ogni minimo riscontro alla nostra buona volontà, ci siamo visti costretti ad attivare la procedura con il secondo tentativo di conciliazione, che laddove dovesse tenersi alla Prefettura di Milano, significherebbe solo una ulteriore perdita di tempo. Tempo che per noi significa vedere sempre più in là il riconoscimento delle nostre rivendicazioni, mentre per Enav è guadagno sulla valuta dei soldi che reputiamo ci spettino.

Le domande sono comunque sempre le stesse e, per qualcuno, forse imbarazzanti:
- Perché l'Azienda ci nega i dati sulla distribuzione del tesoretto conseguito l'anno scorso in base alla produttività raggiunta da ogni singolo ente?
- Perché l'Azienda non vuole dire chi paga le abilitazioni che ogni anno Milano continua a conseguire? Stiamo parlando di circa 80 unità all'anno..
- Perché nessun'altra sigla sindacale si pone queste stesse domande?

SCARICA PDF

Vertenza PdR 2007: Richiesta II fase.

La locale RSA di ATM-PP, in nome e per conto di LICTA, ANPCAT e CILA-AV, non avendo ricevuto convocazione dalla Rappresentanza Aziendale Nazionale allo scopo di esperire la I^ fase di conciliazione della vertenza aperta in data 25.09.2008 (prot. ATMPP/LIMM/043/2008/rr), riguardante i criteri di calcolo e distribuzione del Premio di Risultato 2007, inoltra ufficiale richiesta di convocazione per l'esperimento della II^ fase di conciliazione, in accordo dalla normativa vigente.
Certa di un celere e positivo riscontro, porge cordiali saluti.

SCARICA PDF

sabato 25 ottobre 2008

Rinnovo Consiglio Locale Milano ACC


In vista del Consiglio Generale previsto per la seconda metà di gennaio 2009, che vedrà il rinnovo del Consiglio Direttivo Nazionale, anche la Sezione di Milano ACC deve rieleggere il proprio Consiglio Locale.
Le elezioni si svolgeranno secondo il seguente calendario:

- Raccolta candidature (dal 25 ottobre al 5 novembre);
- Votazioni (dal 6 al 26 novembre);
- Spoglio schede (dal 27 al 30 novembre);

Gli interessati possono comunicare la propria candidatura ai membri del Consiglio Locale o via email all'indirizzo milanoatmpp@gmail.com.

SCARICA PDF

sabato 4 ottobre 2008

Applicazione “Decreto Brunetta” - Orari reperibilità malattia

A differenza di quanto qualcuno abbia malignamente voluto far credere, il Decreto Brunetta, nella parte relativa agli accertamenti medico legali, non si applica ai dipendenti ENAV.

Tale normativa specifica al suo interno l’ambito d’applicazione della stessa. L’articolo 71 del decreto legge n° 112 del 26 giugno 2008 individua i soggetti ai quali si riferisce specificando che esso deve essere applicato “ai dipendenti delle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2 del decreto legislativo 165/2001”.

Noi (dipendenti ENAV) non siamo dipendenti delle pubbliche amministrazioni.

Per tale motivo l’orario di reperibilità, a disposizione per la visita fiscale, è:

10:00 – 12:00 e 17:00 – 19:00

venerdì 3 ottobre 2008

Report Riunione 02 Ottobre 2008

Ieri siamo stati convocati dalla Locale Direzione per discutere della situazione del Centro. Riassumiamo per punti le due ore e mezza di colloquio:

  • Reperibilità
Abbiamo contestato alla Direzione l'atteggiamento assunto nell'ultimo periodo; è evidente a tutti infatti che i reperibili non vengano mai chiamati e si ricorra all'accorpamento dei settori per garantire il break standard. Questo comportamento, oltre ad essere in violazione con quanto previsto dal contratto (negli ACC non si può fare), è un danno evidente alle tasche di tutti i coloro i quali dovrebbero esser chiamati reperibili; e parliamo di diverse centinaia di euro al giorno.
Dato che l'Azienda pare non avere alcuna intenzione di cambiare registro, stiamo valutando l'azione più opportuna da intraprendere.
Riguardo al riconoscimento economico del reperibile non chiamato in un giorno cosiddetto “superfestivo” (es. 15 agosto), ci è stato confermato che trattasi di “festività coincidente” e quindi pagata in toto come è sempre stato; invitiamo pertanto i reperibili del 15 agosto a controllare in busta paga l'avvenuto pagamento.

  • Break
Riguardo agli episodi di mancata fruizione del break standard o di lavoro continuativo del CTA per più di due ore consecutive, ci è stato risposto che la gestione delle pause è demandata ai lavoratori, ma nel caso in cui dovesse palesarsi come necessario, sarà gestito dai SPV; abbiamo fatto notare che da diverso tempo ormai il log non è più rispettato e le ripercussioni sul lavoro dei reliefs è inevitabile; anche questo disagio è secondo noi frutto della mancata chiamata dei reperibili.

  • PDR 2007
Riguardo alla nostra richiesta di conoscere l'ammontare del PDR riconosciuto a Milano, compresi i dati di incremento di tfc (su base 2005) e scorporato dal cosiddetto “tesoretto”, ci è stato prospettato un incontro con la Dirigenza Nazionale e abbiamo pertanto sospeso momentaneamente la vertenza in attesa di convocazione.

  • Nuovi ingressi
15/20 nuovi CTA saranno assegnati a Milano ACC al termine del corso ACS-RAD pianificato per l'8 dicembre; giungeranno quindi verosimilmente ad Aprile 2009.
Abbiamo sottolineato l'importanza che a Milano vengano assegnati CTA lombardi, anche alla luce delle recenti rinunce a frequentare il corso ACS-RAD da parte di due colleghi non stanziali in forza al FIC.
A tal proposito abbiamo evidenziato la presenza di borsisti milanesi nei corsi basici in corto finale all'Academy.

  • Test etilici e antidroga
E' in via di definizione un protocollo per l'applicazione nelle direttive ministeriali per il monitoraggio dei lavoratori in posizioni sensibili, quali ovviamente anche i CTA.
Ci è stato garantito che saremo informati tempestivamente sull'evolversi della situazione.
Cogliamo l'occasione per ribadire un concetto apparentemente scontato: il limite alcoolemico nel nostro lavoro è ZERO; ciò significa che il mezzo bicchiere di vino al pasto non è e non sarà consentito.

  • Frequenze settori TES-TWS
Abbiamo chiesto alla Direzone una risposta chiara e definitiva riguardo all'uso delle interoperazioni nei settori SWS e SES; ci è stato confermato che gli enti limitrofi NON devono essere messi al corrente delle aperture e chiusure dei settori di Milano ACC; per gli enti limitrofi le frequenze 134.05 e 129.07 sono SEMPRE ATTIVE ed essi dovranno pertanto cambiare gli aamm su dette frequenze sempre e comunque.
Abbiamo espresso le nostre riserve nelle fasi di apertura dei terminali, in cui SWS e SES si trovano a gestire aamm su una frequenza altrui, pertanto i SPV saranno sensibilizzati ad aprire i terminali PRIMA che si generi il mostro...
Abbiamo comunque chiesto la pubblicazione di un ODS chiarificatore.

  • Decreto Brunetta
Ci è stato confermato che, in quanto non amministrazione pubblica, al personale Enav non si applica l'estensione degli orari nei giorni di malattia.

  • Conclusioni
La questione “Reperibilità” non può secondo noi protrarsi ulteriormente; abbiamo notizia di direttive emanate in questo senso a livello nazionale e, considerando la mancata pianificazione dei corsi di inglese e del continuous training in moltissimi impianti e la mancata introduzione degli UCS, risulta lampante la volontà aziendale di non pagare prestazioni aggiuntive a nessuno; abbiamo il forte sospetto che a Milano abbiamo il continuous training solo perché “ci stava nelle 136 ore”.
Il contratto dice chiaramente che il break negli ACC va dato con l'utilizzo di “apposito personale aggiuntivo”, mentre si ricorre ogni giorno alla “riconfigurazione dei team, accorpamento delle posizioni operative, compatibilmente con l’andamento del traffico”, attività consentita da contratto solo in altri enti.
Ribadiamo che tale atteggiamento si ripercuote direttamente sulle nostre tasche sotto forma di prestazioni aggiuntive non rese e quindi non retribuite; considerato che mediamente non vengono chiamati almeno tre reperibili al giorno, stiamo parlando di circa 750 ore straordinarie al mese che ENAV si tiene indebitamente nel borsello.
Abbiamo oltretutto il forte sentore che tutta questa necessità di risparmiare arrivi dalla volontà di indirizzare queste risorse verso altre voci di spesa; le nostre sono congetture ovviamente, ma si sappia che ENAV sta assumendo personale “non operativo” al ritmo di 350 unità/anno; dove andranno mai a finire i dirigenti, i quadri e gli amministrativi in esubero da Alitalia?
Non sarà che le nostre mancate prestazioni aggiuntive e le nostre mezz'ore in meno di break, servono a pagare stipendi di personale amministrativo superfluo, mentre il personale operativo (quello davvero produttivo) è da sempre sottodimensionato?

SCARICA PDF