sabato 30 maggio 2009

Avaria radar - Richiesta incontro.

Le scriventi RSA Locali chiedono con la presente un urgente incontro con la Locale Direzione per avere delucidazioni riguardanti l'avaria che ha colpito il sistema radar primario, nonché al sistema di emergenza “fallback”, la sera di ieri 29 Maggio.
Certe di un celere e positivo riscontro, porgono distinti saluti.

FILT-CGIL FIT-CISL UIL-T UGL-T ATM-PP
Sezioni Locali Milano ACC

SCARICA PDF

giovedì 28 maggio 2009

Richiesta incontro

Le RSA Locali, nel richiedere un incontro urgente per la discussione di tali tematiche, desiderano con la presente portare all'attenzione della Locale Direzione quanto segue:

  • Configurazioni dei Settori di Milano ACC da FL 265 a FL 315.
Le scriventi contestano alla Locale Direzione l'aver introdotto fino a 8 configurazioni possibili per i settori sopra descritti, senza aver svolto l'aggiornamento e addestramento professionale previsto da CCNL.
Chiedono pertanto la flessibilità di detto spazio aereo venga limitata alla sola configurazione 2A fino a che tale lacuna operativa non sia stata colmata.

  • Standard e raccomandazioni operative Settori AWY.
Nel rispetto del lavoro del team di colleghi occupatosi della revisione degli standards, le scriventi stigmatizzano con forza il modus operandi secondo cui si è abusato dello strumento della delega di spazio aereo, anziché attuare una più razionale e trasparente ridisegno dei settori operativi.
In questo modo gli standards hanno perso aderenza con la forma dei settori e sono diventati meno intuitivi, soprattutto a fronte del drastico aumento delle configurazioni possibili.
Ribadiamo che la delega di spazio aereo deve essere l'eccezione e non la regola; se il settore A delega permanentemente una propria porzione al settore B, va da sé che detta porzione deve far parte di B e va da sé che tale nuovo disegno deve comportare adeguate analisi di rischio.
Quel che la Direzione ha fatto è, invece, un solo parziale “travaso di responsabilità” da un settore all'altro, all'unico scopo di aumentare la capacità dei settori.
Si chiede pertanto che le deleghe di spazio aereo previste dagli attuali standards vengano tradotti in modifiche alla forma dei settori operativi, con i conseguenti nuovi calcoli di rischio e di capacità.
Per tali motivi, le scriventi organizzazioni chiedono l’immediata sospensione delle procedure e delle configurazioni di cui sopra, fino a che il previsto aggiornamento professionale ed addestramento supplementare non sia stato svolto dal personale operativo.
Si chiede, altresì, una commissione paritetica per lo studio delle tematiche operative riguardanti gli standards, qui da noi contestati, con personale anche di nomina sindacale.

  • Situazione operativa del 23 Aprile 2009.
Si reitera la richiesta di avere delucidazioni riguardo a quanto accaduto in data 23 Aprile e alle iniziative introdotte a scongiurare il ripetersi di quanto successo.
Diversamente, diverrà imprescindibile per le scriventi rivolgersi alle autorità aeronautiche preposte.

Distinti saluti.

FILT-CGIL FIT-CISL UIL-T UGL-T ATM-PP
Sezioni Locali Milano ACC

SCARICA PDF

giovedì 14 maggio 2009

Conferenza “Antidoping”

In linea con la nostra vocazione di sindacato professionale, abbiamo partecipato alla conferenza informativa sui previsti controlli per l'accertamento di Alcooldipendenza e Tossicodipendenza cui saremo soggetti nel prossimo futuro.

Con il presente report intendiamo informare il personale sulle modalità e le implicazioni operative di tali controlli, senza entrare nei dettagli normativi, consigliando comunque vivamente a tutti di partecipare all'ultima replica programmata per il 20 giugno, per porre ogni domanda direttamente ai medici.

Anticipiamo comunque che è nostra intenzione chiedere che la conferenza diventi argomento di un futuro Continuous Training. Riteniamo infatti inadeguata la somministrazione al personale di informazioni così importanti tramite conferenze volontarie.
  • Accertamento della Alcooldipendenza.
Ferma restando la raccomandazione ad azzerare o quantomano ridurre ai minimi termini il consumo di Alcool, la dottoressa ha illustrato le quantità considerate come massime per un consumo quotidiano accettabile nei giorni di NON impiego operativo.


E' stata invece sottolineato il divieto assoluto di somministrare o assumere alcool durante l’attivita’ lavorativa (125/2001).

Poiché gli effetti del consumo di alcool sono riscontrabili solo entro poche ore dall'assunzione, non verranno effettuati test specifici per intossicazione acuta (ubriachezza) a tutti. Se una persona si presentasse visibilmente ubriaco al lavoro il medico competente o il medico della asl (upg) ha la possibilità di effettuare la valutazione della alcolemia.

Esiste invece la possibilita di valutare l’alcoldipendenza tramite indicatori di abuso cronico: i medici competenti Enav hanno stabilito di far eseguire a tutti i lavoratori per tale tipo di problematica, oltre alla visita medica, i normali esami del sangue (transaminasi, ggt, emocromo).

In caso di necessità, solo per coloro i quali agli esami routinari e alla visita medica ci fossero alterazioni molto importanti, nel rispetto della privacy e del segreto professionale, l’aggiunta di un esame specifico: la CDT.

Nel caso di Alcooldipendenza, il lavoratore ha diritto alla conservazione del posto di lavoro in aspettativa fino a 3 anni, purché si affidi alle cure di un centro di recupero specializzato.

  • Accertamento della Tossicodipendenza.
Enav trasmetterà al medico preposto (non si sa quando...) l'elenco di tutti i dipendenti appartenenti alla categoria soggetta ai controlli (CTA ed EAV).

Entro 30 giorni il medico stabilirà un calendario dei controlli compatibile con i turni di ognuno e lo trasmetterà al datore di lavoro; non sarà quindi Enav a stabilire chi deve essere sottoposto a controllo nè in quale giorno.

Ogni dipendente sarà inviato al controllo (esame delle urine) almeno una volta l'anno.

La data del controllo (analisi del sangue, che avverrà in mattinata presso un centro esterno) sarà comunicata al lavoratore con un preavviso massimo di 24 ore.

Se il lavoratore si trova nell'impossibilità di presentarsi al controllo, dovrà darne giustificato motivo, in assenza del quale verrà sospeso cautelativamente dall'impiego operativo e riconvocato entro 10 giorni.

Se invece c'è un giustificato motivo, verrà riconvocato entro 10 giorno dalla cessazione dell'impossibilità, ma potrà essere soggetto fino a 3 controlli nel successivo mese.

Nel caso il test dia esito negativo, il lavoratore viene dichiarato “idoneo” e continua l'attività operativa senza interruzioni.

Nel caso di esito positivo, il lavoratore verrà sospeso dall'impiego operativo e sarà inviato al SerT (Servizio per le Tossicodipendenze) per determinare se si sia trattato di un consumo occasionale o ci si trovi in presenza di una dipendenza.

Nel caso di consumo occasionale, il lavoratore verrà reintrodotto in servizio NON operativo e sarà soggetto a controlli serrati per i 6 mesi successivi; se i 6 mesi si concluderanno senza ulteriori positività ai controlli, potrà riprendere il sevizio operativo.

Nel caso di Tossicodipendenza, il lavoratore avrà diritto alla conservazione del posto di lavoro in aspettativa fino a 3 anni, purché si affidi alle cure di un centro di recupero specializzato.

SCARICA PDF

martedì 5 maggio 2009

Recupero Festività Soppresse

Si porta a conoscenza di tutto il personale che, dopo chiarimento con la Direzione, questa ha confermato e garantito che, anche a chi non abbia presentato richiesta di fruizione R.F.S. Entro la data del 31/05/2009, spetta il compenso previsto (pari alla retribuzione giornaliera lorda di cui all'art. 44 ccnl 2008/2011), che sarà accreditato con la busta paga di Giugno 2009.

FILT-CGIL FIT-CISL UIL-T UGL-T ATM-PP
Sezioni Locali Milano ACC

SCARICA PDF

venerdì 1 maggio 2009

Illustrazione problematiche Milano ACC e richiesta incontro.

Le RSA Locali, nel richiedere contestualmente un incontro urgente per la discussione di tali tematiche, desiderano con la presente portare all'attenzione della Locale Direzione le problematiche ritenute, dalle scriventi, al momento più pressanti.
  • Test di accertamento della competenza linguistica.
Le scriventi riportano la sorpresa dei lavoratori nel vedersi programmare un test per la verifica della competenza della lingua Inglese, senza che sia stata fornita ufficialmente alcuna informazione riguardante quantomeno la forma (orale e/o scritta, lettura, comprensione, risposta multipla e/o aperta) e la tipologia (inglese tecnico/aeronautico o meno).
Richiedono inoltre le motivazioni di una scelta non pianificata che sembra dettata da non meglio precisate “cause di forza maggiore”, e le conseguenze che dovrà aspettarsi quella parte di personale che dovesse eventualmente non raggiungere il livello ritenuto minimo. Corretto sarebbe oltretutto comunicare al personale a cosa corrisponda tale livello minimo.
Ad oggi il personale di Milano ACC è stato soltanto informato del fatto che alla data specificata verrà sottoposto a un test di lingua Inglese e che (qui l'informazione è stata invece puntualissima...) tale giorno (ex)libero non verrà retribuito come straordinario, in quanto inquadrato secondo articolo 3, comma 2, della “Parte specifica...”. A questo riguardo teniamo a precisare che tale programmazione esula da quanto previsto nel vigente CCNL sia per quanto riguarda e i tempi di pianificazione che di informazione.
  • Addestramento del personale operativo.
I tempi e le modalità che hanno caratterizzato l'iter addestrativo del personale abilitatosi quest'anno, e di quello prossimo all'abilitazione, non sono in molti casi, a parere delle scriventi, compatibili con la ricerca di eccellenza e qualità cui questa Direzione ha in più occasioni ribadito di ambire.
Ci riferiamo al rapporto addestrandi/istruttori che si è spinto sino a 4;
Ci riferiamo ai colleghi in addestramento (anche per la massima qualifica Executive), ripetutamente re-impiegati in posizione operativa, per sopperire alle assenze dei reperibili non chiamati, oppure come blip-drivers alle sessioni di continuous training, anche fino al giorno prima del check di livello.
Ci riferiamo alle commissioni valutative composte da esaminatori in turno operativo, costretti a fare i valutatori durante il proprio relief o lavorando, come titolare di posizione, accanto all'esaminando.
Se è vero da un lato che non è ancora in vigore alcuna norma che vieti, o sconsigli, tali iniziative, è altrettanto vero, a nostro avviso, che tali pratiche siano quanto di più lontano esista da un iter addestrativo soddisfacente.
L'addestramento del personale è, in questo Centro di Controllo, l'attività più intensa dopo la gestione del traffico; è essenziale che venga fatto svolgere al meglio delle possibilità. Non ci pare ciò sia avvenuto, quest'anno.
  • Programmazione turni Giugno-Settembre 2009.
La resa oraria invernale, se da un lato ha trovato giustificazione nella flessione del traffico registrata specialmente nel periodo novembre/febbraio, dall'altro ha evidenziato come, per far fronte alle molte attività collaterali programmate, sia stato necessario un esasperato utilizzo della flessibilità d'impiego.
Se è vero che l'utilizzo flessibile dello spazio aereo e della relativa settorizzazione dell'impianto è prerogativa aziendale, lo stesso non si può dire per l'utilizzo del personale, disciplinato in maniera puntale e rigorosa all'interno del CCNL in vigore.
La irremovibile posizione dell'attuale Direzione nel non voler chiamare in alcun caso il personale reperibile a fronte di eventuali assenze ha prodotto in alcuni casi situazioni per nulla giustificabili. Lo stress accumulato dai colleghi del reparto impiego nel cercare di rispettare le direttive e far quadrare i conti con un numero di CTA a volte totalmente insufficiente si è riverberato inevitabilmente sul personale turnante e di conseguenza sulle OO.SS.LL.
Riteniamo che lavorare continuando in tale direzione, abbandonandosi a pratiche che vanno oltre la normale disciplina dell'impiego del personale, non potrà portare buoni frutti, specialmente a ridosso di una estate che si preannuncia finalmente in trend positivo, con l'apertura di nuovi settori (sulla cui modalità ci sarebbe da discutere) e con le ben note percentuali di assenza del personale dovute a ferie/congedi ecc...
Pertanto, ritenendo che il periodo del virtuosismo economico sia per il momento da archiviare, chiediamo che la gestione del personale turnante sia resa più agile e meno esasperata attraverso la programmazione per il periodo giugno/settembre di un turno a 144h+rep per tutto il personale CTA.
  • Continuous Training mese di Maggio 2009.
Il CCNL in vigore prescrive la programmazione del Continuous Training ogni mese con la sola esclusione del quadrimestre Giugno-Settembre; la non programmazione di tale attività nel mese di Maggio costituisce, quindi, tanto un'anomalia quanto una discriminazione del personale milanese rispetto a quello di altri enti - ci risulta, infatti, che a Roma ACC siano state programmate tutte le sessioni previste (e tutte di 8 ore), Maggio incluso.

Distinti saluti.

FILT-CGIL FIT-CISL UIL-T UGL-T ATM-PP
Sezioni Locali Milano ACC

SCARICA PDF